San Cataldo supera Gela per il tumore ai polmoni: presentato i dati del registro tumori nisseno

Per quanto riguarda le malattie tumorali Gela non ha un’incidenza maggiore degli altri comuni nisseni. Questo quanto emerso durante la presentazione del registro tumori di Caltanissetta e Ragusa  degli anni 2007-20012. Dai dati illustrati da manager dell’Asp Carmelo Iacono, la percentuale dei malati di tumori è in calo dell’1% in provincia. La presentazione è avvenuta all’Asp di Ragusa alla presenza del manager Rosario Tumino.

È emersa però  una percentuale elevata del tumore ai polmoni tra i cittadini di San Cataldo. Si tratta del mesotelioma la cui  insorgenza è legata all’inalazione di particelle di asbesto. Il dato sarebbe legato alla presenza di fabbriche per la lavorazione di amianto diffuse in quella zona. Addirittura San Cataldo per quanto riguarda le malattie polmonare nelle donne supera Gela, anche se in generale comunque il tumore al polmone nelle donne, una volta al decimo posto adesso si piazza al quinto posto, a causa del numero di fumatrici.

Per Iacono non vi sono numeri significativi da destare allarme, il trend è quello regionale. .
È emerso pure  che le donne che si sottopongono a cure dopo aver scoperto un tumore, sopravvivono più degli uomini con la stessa patologia e la stessa cura.

Nella provincia di Caltanissetta, i nuovi casi di tumori sono pari a 1249 all’anno , 8986 persone curate o in corso di cura  e 656 coloro che sono morti a causa di un tumore.
I tumori più diffusi nell’uomo sono quello al polmone, alla prostata, al colon retto, alla vescica e al fegato, mentre nelle donna, in ordine sono: mammella, colon-retto, corpo dell’utero, tiroide e polmone.

Le prime cause di morte per tumori nell’uomo sono nell’ordine al polmone, al fegato, al colon-retto, alla prostata, al pancreas, nella donna la mammella, il polmone, il colon, il fegato e il pancreas.

Un sano stile di vita e screening diventano fondamentali per non arrivare troppo tardi. Le nuove terapie consentono una sopravvivenza molto più elevata rispetto al passato. Il manager ha sottolineato come l’Asp Cl2 spenda sempre di più per combattere i tumori.