San Martino multilingue e multimediale, per gli alunni del Turistico. Grande festa all’istituto L. Sturzo

Nell’era di Internet e della globalizzazione la leggenda di San Martino diventa multilingue e multimediale. Stamani in occasione dei festeggiamenti di San Martino,  presso l’Istituto Luigi Sturzo di via E. Romagnoli, retto dal prof. Grazio Di Bartolo,  è stata bandita una  tavola con prodotti sia locali che francesi e inglesi.  L’evento ha fatto parte del progetto interdisciplinare dal titolo “Economia, tradizioni e marketing, che ha coinvolto la classe della seconda A, sezione Turismo.  Si è trattato di un percorso di recupero delle tradizioni locali, comparate con analoghe tradizioni di Paesi anglofoni e francofoni. Gli studenti hanno prodotto un lavoro multimediale in lingua inglese e francese riguardante la leggenda di S. Martino, con  la sua storia, la sua arte e la sua poesia.  Grande è stata anche la collaborazione dei   genitori,  con cui gli studenti hanno confezionato e acquistato prodotti, che hanno poi rivenduto ai compagni delle  altre classi, registrando acquisti, vendite, incassi. Gli studenti hanno allestino una tavola, e realizzato dei cartelloni dedicati al generoso frate.   I professori responsabili del progetto sono stati la prof.ssa Clelia Muzzicato,  e la prof.ssa Pina Magazzù, che si sono avvalse della collaborazione dei docenti di lingua straniera,  e dalla prof.ssa di religione  Sauna.  Un notevole contributo in termini di collaborazione con docenti e alunni è stato offerto dalla Vice preside prof.ssa Marinagela Faraci. ” Il Progetto – ha detto la prof.ssa Muzzicato – ha avuto come   punto di forza l’utililizzo del Cooperative learning e del Learning by doing,  e continuerà nella fase di feedback e analisi dei risultati. Sarà riproposto in occasione di altre festività e tradizioni locali”. Il progetto ha avuto come obiettivi: la comparazione delle nostre tradizioni con quelle di altri Paesi; l’acquisizione di un lessico tecnico specifico in lingua straniera e l’acquisizione di metodi e tecniche per la promozione di eventi nel nostro territorio. ( Le foto sono di Josephine Maniscalco)
 

Articoli correlati

Tagged with: