Sandra Bennici: il sogno di Franco diventa realtà, un ambulatorio per i poveri e per gli ultimi

È stato inaugurato ieri pomeriggio, presso i locali di Sant’Agostino, il primo ambulatorio medico per i bisognosi, voluto fortemente dal dott. Franco Bennici, e da don Lino Di Dio.

Un sogno che si è realizzato quello del dott. Bennici, ad un anno dalla sua morte avvenuta mentre con la sua auto si recava a lavorare all’ospedale Suor Cecilia Basarocco di Niscemi, di cui era direttore sanitario.

Dopo le avvenute autorizzazioni, l’ambulatorio è diventato una realtà, grazie anche all’impegno dell’associazione “Cafarnao” nata in Diocesi per portare avanti il progetto dell’ambulatorio, e presieduta dalla Prof.ssa Adriana La Barbera, moglie del dott. Bennici.

Con una celebrazione del vescovo mons. Rosaria Gisana, l’ambulatorio è stato donato alla città di Gela. Presenti, oltre le autorità,  anche gli altri componenti dell’associazione Carfanao (Enzo Insalaco , Amedeo Battiato, Venosi Loredana e Sandra Bennici) che avrà il compito e l’onore di presenziare alle attività,  perché il nuovo servizio sia effettuato nel modo migliore possibile.

“Sono certa che Franco Bennici dall’alto trarrà un sospiro di sollievo perchè i suoi sforzi non sono stati vani, ed il suo progetto che ha desiderato con grande determinazione oggi è divenuto realtà. La famiglia,  ed in particolare sua moglie Adriana, così come il Vescovo Gisana, Don Lino Di Dio ed i suoi amici più cari, lo hanno voluto onorare e ricordare nel modo più bello ad un anno di distanza dalla tragedia della Sua improvvisa morte con l’inaugurazione del poliambulatorio per i poveri che porterà il suo nome.”  Ha detto il consigliere Sandra Bennici

“Franco ha voluto donare alla città un’eredità forte, la professione di medico con una missione speciale: assistere i nostri poveri e le persone più bisognose.
Un’ idea che Franco nel tempo ha trasformato in progetto, ma che la sua prematura scomparsa non ha visto realizzare, anche se ha sempre esercitato la professione di medico e di dirigente dell’Asp di Caltanissetta, all’insegna del servizio per le persone che ogni giorno numerosi gli si rivolgevano per avere un aiuto, un conforto alle loro pene.” Ha ricordato  la Bennici.

“Il testimone è stato raccolto e non disperso, perché il diritto alla salute non può essere negato, soprattutto a quelli che non hanno le risorse per curarsi.
La Sicilia è una delle regioni più povere d’Italia, milioni sono i siciliani che vivono in situazioni di sussistenza che non hanno il necessario per vivere.”  Ha sottolineato il consigliere comunale e componente dell’associazione Carfanao

“Le difficoltà di questi cittadini – ha affermato la Bennici- si amplificano, quando avendo bisogno di cure mediche, la mancanza minima di risorse non consente loro di permettersi un ticket per una visita specialista. “

“E’ noto che Franco Bennici veniva incontro a tutti quelli che si rivolgevano a lui per trovare il modo di ottenere l’assistenza dovuta ed è per questo che ha coltivato l’idea ed il progetto del poliambulatorio dei poveri e per gli ultimi.” Ha detto Sandra Bennici.

La struttura sanitaria offrirà in modo totalmente gratuito cure a chi ne ha di bisogno, attraverso il volontariato di diversi medici specialisti dell’Asp di Caltanissetta, assai numerosi ad aver aderito all’iniziativa e quindi ad essere pronti ad ascoltare ed assistere la povera gente.

“Ieri sera l’inaugurazione ufficiale dei locali nei pressi della chiesa di Sant’Agostino, alla presenza del Vescovo Gisana, che fin da subito è stato entusiasta dell’idea, presenti autorità regionali, provinciali e di tanti amici che hanno voluto omaggiare Franco ancora una volta e ringraziarlo per il seme di bontà e di carità che ha saputo trasmettere.
Grazie Franco.” Ha concluso Sandra Bennici.