Sanità: rischio chiusura per la sala operatoria, la V Commissione si rivolge all’ASP

“La sala operatoria sta per chiudere!”.

È questo l’allarme lanciato dalla V Commissione Ambiente e Sanità, presieduta da Virginia Farruggia e dettato dalla mancanza di medici anestesisti nell’ospedale ‘Vittorio Emanuele’ di Gela.

“Sembra quasi una partita al monopoli – si legge nella nota – in cui i cittadini gelesi debbano di continuo ripartire dal via. Sono due anni che sentiamo la stessa storia della fuga di medici in strutture ospedaliere di altre ASP.

Ma perché nessun medico vuole restare a Gela? Forse perché non garantiamo loro un contratto che gli consenta di programmare nel medio termine la loro vita? Forse perché con un contratto rinnovato di trenta giorni in trenta giorni non riescono neanche ad affittarsi una casa? Perché in altre Regioni si sono sbloccati i concorsi e nella Regione Siciliana non riescono a fare neanche un’assunzione per un anno? Perché a Gela ci sono esami diagnostici con liste di attesa anche di un anno e in altri piccoli centri limitrofi le liste si riducono a un mese?

La Commissione Ambiente e Sanità – continua il comunicato stampa – invita l’ASP a dare una spiegazione ai gelesi per tutti i reparti già chiusi in precedenza e per quelli che chiuderanno nel breve termine. Già le lunghe liste di attesa inducono i cittadini ad andare in altre ASP della Regione, creando i presupposti alla chiusura degli stessi. Chiediamo un intervento immediato da parte del nuovo Commissario dell’ASP. Non è più il tempo di attendere, vogliamo fatti reali e concreti che facciano percepire a tutti i cittadini la volontà di potenziare i servizi sanitari del territorio gelese”.

La Commissione chiederà al Commissario un incontro al più presto.