Sciopero all’ipab “Aldisio”, CGIL: “Un settore ghiotto alla politica, il bisogno è disgraziato”

Preannunciato lo sciopero nella casa di riposo “Antonietta Aldisio” di Gela. È quanto comunica in una nota la CGIL a seguito degli impegni disattesi da parte dell’Amministrazione Comunale. Si preannuncia, dunque, il blocco dell’assistenza in mancanza dei pagamenti alle lavoratrici che aspettano ancora diversi meni di stipendi arretrati, alcuni risalenti persino al 2014. “Ritardi, ritardi e tanta disperazione altro che assistenza e solidarietà sociale – si legge nel comunicato – questo è ciò che accade ormai da anni nel settore più delicato della pubblica amministrazione. Si aggiudicano appalti, si firmano convenzioni, poi si danno proroghe e tra tutti questi passaggi le lavoratrici e i lavoratori sono nella più totale disperazione. Illegalità, si chiama illegalità. Violazione ripetuta e reiterata del contratto nazionale, mortificazione delle donne e degli uomini che ogni giorno escono da casa a piedi per assistere anziani, inabili e disabili mentali.La CGIL sta con loro e da anni produce proposte per rendere normale un settore ghiotto alla politica perché il bisogno è disgraziato”. Una situazione, dunque, che potrebbe adesso sfociare in uno sciopero prolungato finché non si troveranno delle soluzioni. “Inutile la buona volontà dell’assessore Costa – conclude la nota – le risposte o sono concrete o sono solo chiacchiere. Invitiamo il Sindaco a ripristinare la legalità e a tutelare i diritti dell’indotto del Comune”.