Scoprire il tumore con la prevenzione biomolecolare. C’era il finanziamento Eni per Gela?

Il progetto di prevenzione biomolecorare mai avviato a Gela nonostante il finanziamento  che Eni avrebbe messo a disposizione per laboratori e strumenti. Questo quanto avrebbe dichiarato dal manager dell’Asp Cl 2 di Caltanissetta Carmelo Iacono, durante la presentazione del registro tumori di Caltanissetta e Ragusa avvenuta qualche giorno fa, e riportata dal sito web Insanitas.

Sarebbe stato un progetto di salute all’avanguardia che ci avrebbe consentito di fare prevenzione delle malattie tumorali. In pratica la prevenzione biomolecolare permette di scoprire eventuali mutazioni del Dna che avrebbero potuto far insorgere un cancro ancor prima che si manifestasse in modo da prevenirlo. Che fine ha fatto? Perchè alla fine il protocollo non è stato stato sottoscritto e si è pensato di destinare le compensazioni ad altro?