Scuola e lavoro, un connubio perfetto per preparare gli studenti alle richieste delle aziende una volta diplomati

Entrare nel mondo del lavoro quando si è ancora studenti per imparare sin da ragazzi le regole dell’ambiente lavorativo e acquisire la formazione adatta richiesta dalle aziende per non trovarsi impreparati dopo il diploma.

È stato questo il messaggio del convegno, tenutosi nell’aula magna dell’Istituto Tecnico Industriale “Morselli” di Gela, che ha visto al centro del dibattito l’alternanza scuola-lavoro. Il progetto, che era stato promosso dall’ormai ex dirigente Andrea Tommaselli nell’anno della sua attività all’ITIS, ha permesso a centocinquanta studenti del triennio di svolgere centoventi ore di stage nelle aziende locali che avevano aderito, tra queste Ergomeccanica, Sicilsaldo, Ascot, Amarù, Gradito oleodinamica, Guastella, Gesind e Di Nisi. “L’obiettivo della scuola – ha detto Tommaselli – deve essere proprio quello di guidare gli studenti verso il mondo del lavoro permettendo loro di applicarsi fattivamente, coinvolgendo anche le ditte che dovrebbero entrare a tutti gli effetti a far parte del percorso scolastico”. Della stessa idea anche l’attuale dirigente Serafina Ciotta, che ha garantito che questi progetti avranno continuità non solo per l’importanza formativa che rivestono, ma anche perché così è ormai richiesto dall’Europa. Alla fine della mattinata, che ha visto anche la partecipazione dei docenti e dei responsabili delle aziende coinvolte nel progetto, sono stati consegnati gli attestati di partecipazione agli studenti.

Articoli correlati