“Sette contro Tebe”, saggio finale in teatro con la tragedia di Eschilo in veste moderna

“Sette contro Tebe” in scena al teatro Eschilo di Gela. La tragedia di Eschilo, rivisitata in chiave moderna, verrà proposta dai corsisti della scuola di formazione dello stesso teatro in occasione del saggio finale. La scuola sperimentale, avviata a ottobre, ha visto la partecipazione di quattordici ragazzi che hanno frequentato le lezioni di teoria e pratica avvalendosi della bravura di illustri nomi come Tuccio Musumeci, Romano Bernardi, Guaia Jelo, Emanuela Muni e ancora il produttore teatrale Orazio Turrisi e l’attrice Maria Carla Aldisio che ha curato la dizione.

“L’dea di mettere in scena questa tragedia – ha spiegato il regista Francesco Longo – nasce per fare un omaggio a Eschilo, di cui il teatro porta il nome. Il testo è stato riadattato, in particolare nella tragedia l’osservatore non sarà unico, ma saranno sette donne le osservatrici”. Durante l’intero anno accademico, i corsisti hanno potuto studiare e approfondire recitazione, dizione, teatro dialettale, trucco teatrale e movimento scenico.

La tragedia verrà portata in scena domenica 12 giugno alle 19:00.