In Sicilia i giovani sono senza lavoro e rimangono con mamma e papà

La Sicilia continua ad essere posizionata tra le peggiori regioni europee in cui i giovani non riescono a trovare lavoro. Troppi giovani che non studiano né lavorano, pochi laureati, record di disoccupati e un divario digitale con il resto d’Europa ancora da colmare. Questa la fotografia della Sicilia e del Mezzogiorno d’Italia mostrata Eurostat qualche settimana fa.

Nel Rapporto giovani 2017 presentato a Catania nei giorni scorsi, alla presenza del sottosegretario alla saluto Davide Faraone, è emerso che solo 10% dei giovani del Sud sarebbe disposto a lasciare la casa dei genitori prima dei 24 anni, ma è quello che incontra più difficoltà. Per l’80% dei casi la situazione economica e lavoro, sono i motivi principali della mancata uscita dalla famiglia di origine.

Il Sicilia il 40% p dei giovani e ‘neet’ non accetterebbe un lavoro a nessuna condizione, gli altri sono aperti a trovare un’occupazione e una percentuale notevole accetterebbe il lavoro anche immediatamente pur di lavorare. Elementi come la distanza da casa, la comodità degli orari, il prestigio dell’azienda e la coerenza con la formazione non sono indispensabili e sono considerati solamente da un 25% come preminenti.

 

Foto da Newnotizie