Siciliano: il settore agricolo non può essere snobbato. Chiesto incontro a Palermo, per soluzione crisi idrica

Molte le  criticità relative agli invasi Disueri, Cimìa e Comunelli che necessitano di interventi urgenti per un ripristino funzionale delle condotte idriche e gestionali dei perimetri irrigui, per tale motivo  è stata chiesta la convocazione della Commissione Bilancio all’Ars, con la partecipazione anche degli assessori regionali all’Agricoltura, all’Energia e alle Attività Produttive. La richiesta dell’incontro è avvenuta oggi dal parte dei partecipanti, presso il comune di Gela, al tavolo per discutere dei problemi del settore agricolo. Presente il direttore del Consorzio di Bonifica 5, il sindaco di Niscemi , vari rappresentanti degli agricoltori, il deputato regionale Giuseppe Arancio, il sindaco Domenico Messinese, assieme agli assessori Simone Siciliano, Francesco Salinitro e Flavio Di Francesco. Da tempo si cerca una via risolutiva al problema della carenza di risorse idriche in agricoltura, con una proposta  del riutilizzo irriguo delle acque reflue urbane depurate. “In quella sede – preannuncia il vice sindaco Siciliano – bisognerà affrontare anche i problemi dei ridotti trasferimenti della Regione al Consorzio di Bonifica 5. Una richiesta reiterata che avevo già inoltrato, all’inizio di questo mese, all’assessore regionale Antonello Cracolici. Il settore agricolo a Gela infatti, specie dopo la crisi dell’industria, non può essere snobbato come se non rappresentasse la maggiore fonte economica di un territorio votato alle colture d’eccellenza”.
 

Articoli correlati