Sicurezza a Gela, ormai una costante: la città vuole controlli

Il problema sicurezza a Gela purtroppo è diventato ormai un’amara costante delle giornate in città. Accade di tutto a ogni ora del giorno: macchine che vengono avvolte dalle fiamme, attentati incendiari ad attività commerciali, risse nei luoghi della movida e furti di motorini e in appartamenti. Una situazione che comincia a spaventare chiunque.

I cittadini a Gela non si sentono più protetti e sicuri. I giovani evitano di uscire, i pub non lavorano più con serenità e le famiglie non passeggiano più nel centro storico dopo una certa ora. Servono più controlli, lo abbiamo sempre detto.

A ripeterlo adesso è stato anche il consigliere comunale indipendente Carmelo Casano, il quale ha chiesto espressamente la presenza di più Vigili urbani dopo le 23:00 di sera, specie nel fine settimana, nei luoghi della movida.

Un’esigenza di tutto il territorio, ma anche un modo per tutelare l’incolumità fisica di quei cittadini che si trovano a trascorrere fuori il sabato sera con il rischio di essere colpiti da caschi o sedie che potrebbero volare a causa dell’ira di un gruppo che, d’improvviso, decide di darsele di santa ragione.

L’ennesima richiesta di intervento quella del consigliere Casano, che si aggiunge ad altre già avanzate in precedenza. Fra queste quella lanciata circa un mese fa dal segretario generale della CGIL Ignazio Giudice, che aveva sottolineato l’importanza dell’esercito in città.