Sicurezza e omicidio stradale: corsi di aggiornamento per la Polizia municipale

Corsi di aggiornamento per il corpo della Polizia municipale di Gela, guidata dal comandante Giuseppe Montana.

Argomento della formazione sono state le nuove normative in materia di sicurezza stradale, tra cui la legge 41/2016 che ha introdotto l’articolo 589-bis del Codice penale, che contiene il reato di omicidio stradale: chi causa per colpa la morte di una persona violando la disciplina della circolazione stradale è punito con la reclusione da due a sette anni. Sono previste pene più severe per chi guida sotto effetto di alcool o droghe e per il responsabile di un incidente mortale che violi i limiti di velocità, passi con il rosso o circoli contromano o, ancora, faccia inversione di marcia in determinate situazioni.

Altro tema di approfondimento è stato quello relativo alle misure in materia di sicurezza e decoro delle città con un focus speciale sulle nuove responsabilità dei sindaci. Il cosiddetto «decreto Minniti» consente ai primi cittadini la possibilità di firmare ordinanze per limitare gli orari di vendita, anche per asporto e di somministrazione di alimenti e bevande per negozi, attività artigianali di gastronomia con connesso commercio di bevande, pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande.

Tuttavia il nuovo potere è comunque legittimo solo in casi ben precisi, quali la tutela della sicurezza delle città e del decoro e della vivibilità urbana. Fra le novità introdotte si segnalano ancora i poteri del sindaco in qualità di capo dell’Amministrazione locale e di Ufficiale del Governo. Ad aprire i corsi di formazione della Polizia municipale è stato oggi il primo cittadino Domenico Messinese.