Siragusa: Ddl Liberi consorzi, sostenuto da Udc, mortifica Gela e la nostra idea di politica

L’art. 52 del Ddl sui Liberi consorzi, licenziato dalla Commissione affari istituzionali, dell’Ars, con cui si è stabilito sono stati eliminati i Liberi consorzi di Catania, Messina e Palermo, a favore della loro trasformazione in città metropolitane, mortifica Gela. Questo è quanto comunicato dal consigliere comunale, capogruppo dell’Udc, Guido Siragusa. nonostante un referendum in cui i cittadini gelesi hanno espresso la volontà di passare al Libero consorzio catanese, la nostra città è costretta a rimanere con il Libero consorzio di Caltanissetta, da cui non si è mai mossa. “E’ veramente raccapricciante – ha scritto Siragusa – assistere ad una cosi misera sceneggiata, finalizzata solamente a prendere per i fondelli chi pensava di volere ammodernare un sistema degli enti locali siciliano rendendolo più vicino ai bisogni delle comunità locali. Da questo pseudo disegno di Legge ne esce soprattutto mortificata la sesta Città della Sicilia, cioè Gela. Come militanti politici dell’UDC , nelle ultime elezioni nazionali, in termini di consenso elettorale al partito , abbiamo dato qui a Gela molto di più di quanto non abbia potuto dare qualsiasi altro in provincia di Caltanissetta e nell’intera Regione Siciliana. Per questo ci sentiamo mortificati dalle posizioni assunte dal più agguerrito sostenitore di questa legge farsa On. Miccichè e dall’UDC Regionale tutta, posizioni che se mantenute andrebbero fatalmente a configgere con la nostra idea di politica , ma soprattutto con gli interessi dei Siciliani”

Articoli correlati