Spiaggia di Bulala, altro che nudisti! Solo un cumulo di rifiuti

La spiaggia di Bulala, quella che sarebbe stata destinata ai nudisti, è diventato un cumulo di rifiuti.

Era aprile del 2016, quando l’ex sindaco Domenico Messinese ha emanato una ordinanza con cui destinava la spiaggia di Bulala al turismo senza veli.

Da allora, non solo di turisti non se ne sono visti, ma la spiaggia è rimasta così come madre natura l’aveva creata, senza interventi che potessero renderla più accogliente.

La spiaggia con il tempo è diventata anche una discarica di sacchi di rifiuti. Le immagini, riprese da Totò Galanti, mostrano come  dopo la mareggiata dei giorni scorsi, quella che sarebbe dovuta essere un’oasi è diventata una pattumiera a cielo aperto. Vi si possono trovare rifiuti di ogni tipo: secchi di plastica, porte di legno, materiale edile.

Altro che nudisti!

Foto di Totò Galanti