Strisce blu: ancora grande confusione. Parcometri non funzionanti e multe

Fila davanti i parcometri, tanti gli automobilisti indecisi se lasciare l’auto senza ticket sulle strisce blu, o girare per le vie del centro alla ricerca di un posto auto gratuito, per evitare di beccarsi una multa. Continuano i disagi, per i cittadini di Gela. Da quando sono state riattivate le strisce blu a pagamento i parcometri, circa l’80%, continuano a non funzionare. Ci sono quelli che  accettano le monetine solo di 50 centesimi, 1 o 2 euro,  ci sono quelli che, pur accettando tutte le monetine, non emettono biglietto, e infine ci sono quelli che, sebbene emettano in biglietto, lo fanno con orario di inizio sosta e non quello della fine. Quindi tutti lì davanti le colonnine ad aspettare l’addetto alla sosta, che possa vidimare il bigliettino da inserire nel cruscotto della propria auto. Una situazione che va avanti dal 4 maggio, da quando il servizio è ripreso. Si tratta di riprogrammare le macchinette, aveva dichiarato Rocco Assenza, presidente della Blue Service, la società che si è aggiudicata il bando. Intanto i vigili, non hanno competenza nel rilevare la multa, ma la possono effettuare gli addetti della società appaltatrice, anche se spesso sono chiamati ad intervenire, specie dai comuni cittadini che si ritrovano  la contravvenzione sul vetro della propia auto

Tagged with: