Taglio del nastro al liceo classico “Eschilo”, inaugurata la biblioteca intitolata a Di Fede

Tanta emozione questa mattina per il taglio del nastro nella biblioteca intitolata a “Nicolò Di Fede” al liceo classico “Eschilo”. Dopo quattro mesi di lavoro e dopo un passato burrascoso, caratterizzato da un incendio e da un restauro più volte rimandato, stamattina lo “spazio plurale”, così come è stato definito, dedicato alla cultura a trecentosessanta gradi è stato finalmente aperto e messo a disposizione degli studenti e della città. Una cerimonia in grande stile, che ha visto fra gli altri anche la presenza del Presidente della Regione Rosario Crocetta e di ex insegnanti e studenti dell’istituto.

Oltre undicimila i volumi collocati all’interno della biblioteca, sviluppata su due piani illuminati e fornita di diversi computer collegati alla rete wi-fi e messi a disposizione dei fruitori. Un progetto di rimodernamento nel rispetto però dell’antichità prestigiosa custodita, un lavoro affrontato con responsabilità dai progettisti Cardinale e Geraci, incaricati di riconsegnare alla scuola questo tesoro.

Ad anticipare il taglio del nastro una conferenza nell’aula magna dell’istituto che ha offerto l’occasione per presentare il progetto “Un cantiere d’arte e letteratura”, curato dal maestro Giovanni Iudice che, insieme a una trentina di studenti, realizzerà un’opera d’arte che verrà donata al liceo e che arricchirà la preziosa biblioteca.

Articoli correlati