Taglio del nastro per lo sportello antiviolenza “Anghelas”, un servizio per donne e minori

Inaugurato lo sportello antiviolenza “Anghelas” a Gela. Grande festa questa mattina negli uffici comunali per l’apertura ufficiale di un servizio che mira a tutelare le donne e i minori vittime di violenza di genere. Un progetto reso possibile grazie al lavoro di rete di diverse associazioni e realtà del territorio, insieme alle Forze dell’Ordine e al Consultorio Familiare dell’ASP. Il servizio si avvarrà delle assistenti sociali Lidia Bertino e Letizia Savatta, di Antonella Maganuco per il Consultorio Familiare dell’Asp, di Valeria Cannizzo e Gabriella Anzaldi per l’ospedale “Vittorio Emanuele”, di Laura Romano per la Polizia di Stato, del tenente Francesco Ferrante e del vicebrigadiere Giuseppe Greco per i Carabinieri, di Luciana Carfì per l’associazione “Arci Le Nuvole” e di Valeria Gennuso per l’associazione “Avulss”.Il progetto nasce per fornire una risposta adeguata e integrata con i servizi locali ai destinatari degli interventi, un adeguato supporto informativo e un corretto accompagnamento guidato ai servizi operanti sul territorio. Unitamente alle Forze dell’Ordine, lo sportello “Anghelas” fornirà riscontri alle donne in situazione di rischio immediato per la propria incolumità ed esiterà le richieste di cittadini che desiderano informazioni sui servizi, parenti o amici di vittime che desiderano indicazioni o suggerimenti, operatori dei servizi, che necessitano di indicazioni sui centri presenti nel territorio. Altri servizi previsti saranno l’accoglienza telefonica e il primo orientamento sugli strumenti di tutela contenuti nelle normative che si riferiscono alla violenza contro le donne, la predisposizione e l’immediata attivazione di uno scenario di protezione per l’emergenza, effettuando una prima valutazione del rischio, l’accompagnamento guidato verso i servizi del territorio e l’attivazione delle consulenze idonee al supporto del percorso progettuale sia a enti pubblici sia privati. “Faremo prevenzione – ha commentato il sindaco Domenico Messinese – lanciando il messaggio che dalla violenza intrafamiliare si può uscire”. “Le forze buone della città – ha dichiarato l’assessore ai Servizi Sociali Licia Abela – metteranno cuore e pugno duro nei confronti della violenza”. Lo sportello “Anghelas” si trova al terzo piano dei locali in viale Mediterraneo.

Articoli correlati