Tensione e rabbia in aula consiliare, ex operai Tekra sulla pensilina del Comune

Lo avevano annunciato e così è stato: ancora tensione e disordini in aula consiliare questa sera ad opera degli ex lavoratori della Tekra, rimasti senza lavoro dal mese di maggio.

Una seduta in cui si sarebbe dovuto discutere della delibera sull’acqua pubblica, ma che anche stavolta è stata interrotta dalle proteste. Sono disperati gli ex operai della società che a Gela si occupa dello smistamento dei rifiuti, in attesa ancora di risposte concrete sul proprio futuro occupazionale. Un malcontento che si è riversato ancora una volta in Consiglio comunale. Urla e fischi sono volati alla proposta iniziale del Sindaco Messinese di accogliere solo una rappresentanza nella sua stanza per affrontare la situazione. “O tutti o nessuno!”, il messaggio dei lavoratori è stato chiaro, così come altrettanto chiare sono state le manifestazioni di protesta. Gli ex operai, infatti, si sono spostati sulla pensilina del Comune minacciando gesti estremi. Sul posto le Forze dell’Ordine che sono riusciti a convincerli a rientrare. Giù anche Vigili del fuoco e ambulanza. Solidarietà nei loro confronti, intanto, hanno manifestato anche alcuni consiglieri comunali che hanno abbandonato l’aula.

Articoli correlati