“Terra del ritorno”: all’Antidoto il film ispirato alla poetica del fotografo Giovanni Chiaramonte

Dopo il successo della mostra “Ultima Sicilia” del fotografo gelese Giovanni Chiaramonte, il 7 dicembre alle 19:00, presso il cineteatro Antidoto di Macchitella, l’associazione culturale ‘Salviamo la bellezza’ e la Galleria Ghirri di Caltagirone organizzeranno la proiezione gratuita del film “Terra del ritorno” di Valentina Pellitteri, ispirato alla poetica del maestro Chiaramonte.

La Sicilia come punto di partenza, ma anche di ritorno: isola di luce e terra di tenebra, isola dove si resta perennemente tentati dalla fuga, è un universo nel quale lo struggimento del mancato ritorno segna l’estremo di una scala tonale. Un film intensamente legato ai temi del percorso umano dell’artista e alle sue riflessioni sul rappresentare. Chiaramonte vede la sua “terra del ritorno” come una speranza di riscatto, attraverso il costante confronto con l’artista Giovanni Iudice, suo conterraneo e con il fotografo calatino Sebastiano Favitta, entrambi ostinati a vivere stabilmente nell’amata e odiata Sicilia.

Questo film vuole parlare della Sicilia come paesaggio possibile e impossibile attraverso il rapporto del suo territorio e non solo, con gli sguardi costitutivi del film: quello esplicito del maestro fotografo e quello implicito della regista Valentina Pellitteri, interessata nel suo percorso formativo al rapporto tra cinema e altri linguaggi delle arti visive e performative. La fotografia rappresenta la fine e l’inizio al tempo stesso di un intervallo sospeso.

Il mezzo cinematografico qui rappresenta il tempo di questo atto: riesce a espandersi e sconfinare, cerca semplicemente attraverso il ritmo del montaggio di mettere in relazione tra loro gli scatti e infine racconta tutto ciò che nella pratica della fotografia si riferisce al rituale della fotografia, al tempo dell’azione e dell’incontro dell’uomo con i luoghi. Interverranno l’autrice, il maestro Chiaramonte e don Giuseppe Costa.