Thomas Lange in mostra a Palermo

Thomas Lange a Palermo

Fino al 10 settembre, presso lo spazio ZAC dei Cantieri Culturali della Zisa a Palermo, sarà possibile visitare la mostra di Thomas Lange.

La mostra, promossa dall’Assessorato alla Cultura della Città di Palermo, con il patrocinio del Console Onorario della Repubblica Federale di Germania a Palermo e del Goethe-Institut Palermo, in collaborazione con la Fondazione VOLUME! di Roma, la Galerie Poll di Berlino e MLZ Art Dep di Trieste, e curata da Davide Sarchioni e Lorenzo Calamia, riunisce circa settanta dipinti di grande formato tratti da diversi cicli di lavori, dalla seconda metà degli anni Settanta fino ad oggi, dagli esordi alle ultime realizzazioni sempre più estreme e radicali.

Palermo ospita così la prima antologica italiana dell’artista tedesco; Thomas Lange, berlinese classe ’57, è stato esponente dei cosiddetti  Giovani Selvaggi della trasgressiva scena underground di Berlino Ovest tra la fine degli anni Settanta e i primi Ottanta, per poi sviluppare un personalissimo percorso di maturazione e crescita, sfociato in un tratto riconoscibilissimo, vivido, di forte impatto cromatico e a tratti estremo; una mostra che, attraverso i 70 dipinti esposti, ripercorre proprio questo processo di maturazione e di evoluzione artistica, dai primi lavori d’esordio degli anni 70, fino alle opere più recenti (realizzate fra il 2015 e il 2016), portate a Palermo direttamente dal suo atelier e che rimandano alla sfera più intima dell’artista, trattandosi dei ritratti dei suoi familiari e del suo compagno, mantenendo però sempre il tratto potente che caratterizza Lange. Tra i dipinti anche un enorme (quattro metri per quattro) ritratto di Federico II, opera espressamente realizzata per l’antologica palermitana e che rafforza il legame fra l’artista e Palermo, ma che sottolinea anche il legame esistente fra la Germania e la Sicilia.

La mostra di Thomas Lange sarà visitabile fino al 10 settembre, dal martedì alla domenica dalle ore 9.30 alle 18.30, presso il padiglione ZAC dei Cantieri Culturali della Zisa.

 

Articoli correlati