Trasporto disabili, Lorefice: “L’amministrazione ha fatto ciò che doveva e nel rispetto della legge”

“L’amministrazione non ha colpe e ha provveduto a seguire la legge, facendo tutto quello che era in suo potere fare”.

È stata questa la replica dell’assessore Pietro Lorefice in riferimento alla spinosa questione del trasporto dei disabili, fermo dal mese di giugno come denunciato ancora una volta nei giorni scorsi dall’avvocato Paolo Capici, legale rappresentante dell’Associazione H. Dopo una gara pubblica, che aveva visto al primo posto la cooperativa Matusalemme, poi ritiratasi insieme ad altre due ditte aggiudicatarie, era stata attivata, come previsto dalla norma, una procedura ristretta che, purtroppo, non ha visto partecipanti, lasciando così invariato il fermo del servizio di trasporto che da mesi costringe più di cinquanta disabili a dover essere accompagnati dai parenti o da privati nei luoghi di lavoro e di cura. “Nessuna imprecisione nel bando – ha precisato Lorefice – a dispetto di quanto sia stato detto in questi giorni, nessuna delle ditte ha lamentato né un importo economico basso né altre incongruenze nel bando. Semplicemente, le prime non presentavano mezzi idonei al servizio e le ultime erano ormai impegnate”. Dunque, scongiurata l’ipotesi del “bando poco appettibile”, adesso si deve lavorare per trovare soluzioni concrete e risolvere questa situazione in cui il disabile rischia di rimanere sempre più isolato. “L’intenzione di questa amministrazione è quella di far continuare il servizio – ha continuato Lorefice – incontreremo nuovamente i disabili per intervenire sulla questione nel più breve tempo possibile e nel rispetto della legge”.

Articoli correlati