Treno Gela- Palermo: poche corse e molti disservizi. Interviene la Cgil

La tratta ferroviaria che collega Modica-Gela-Caltanissetta per proseguire per Palermo, aperta nel dicembre scorso, presenta enormi disservizi, nonostante siano stati 35 milioni di euro di Fondi europeri per l’ammodernamento. Oltretutto finora ci sono solo tra corse in andate e tre di ritorno. I treni esistenti sono sempre in ritardo e l’utenza è sfiduciata. Sulla questione sono intervenuti Ignazio Giudice e Orazio Gauci, rispettivamente Segretario Generale Cgil Caltanissetta e Segretario Generale Filt Cgil che si rivolgono alle Istituzioni pubbliche nazionali e regionali.
“Il trasporto ferroviario è fondamentale se si vuole ripartire dal turismo”. Sottolineano i due segretari. 
“Migliaia di cittadini provenienti da tutti i Comuni del nisseno, a partire da quello più distante cioè Gela la usano per viaggiare da Caltanissetta e Palermo e se funzionasse bene e fossero potenziate le corse sarebbe un’ ottima soluzione per tanti studenti e pendolari. ” Hanno rigerito i segretari che si chiedono che cosa abbiano fatto le Fs, e se a loro interessava solo fare i lavori e bruciare 35 milioni di euro.
 
La Regione dal canto suo ha  dichiarato  di non avere i fondi per finanziare altre corse ma per la Cgil basterebbe una revisione di quelle esistenti. 
Il  sindacato insiene alla federazione dei trasporti pubblici e privati invita i soggetti Istituzionali ad organizzare una conferenza di servizi partecipata da FS, Regione e Comuni interessati e capire se vogliono potenziare la tratta e mettere a reddito l’investimento di 35 milioni di euro investiti. 
Nei prossimi giorni la Cgil promuoverà un confronto con il Prefetto e sicuramente con i Sindaci, e chiede rispetto dei cittadini e dei fondi pubblici.

Articoli correlati