Tutti ad ascoltare Giancarlo Cancelleri

Non abbiamo tradito noi il sindaco Domenico Messinese, c’era un programma e lui non l‘ha rispettato. Questo quanto sottolineato dal candidato Cinque Stelle alla presidenza della Regione Giancarlo Cancelleri, ieri sera al lungomare di Gela assieme al vicepresidente all Camera Luigi Di Maio, e al deputato Alessandro Di Battista.

Tanti tra giovani e meno giovani ad ascoltare Cancelleri che nel palco allestito nel nuovo lungomare, vicino la Vecchia Dogana, ha detto, che nonostante i precedenti con il sindaco, non ha intenzione di ostacolare in alcun modo una città importante come Gela.

Al sindaco viene rimproverato di non aver tagliato il suo stipendio e di aver assecondato Eni, non rispettando il programma della campagna elettorale.
Chi ha inquinato e continua a inquinare deve pagare, ha detto Cancelleri rivolgendosi a Eni e a chi ha degradato il territorio gelese. Quell’Eni che non ha pagato di certo la mia campagna elettorale, ha detto Cancelleri che ha sottolineato come in questi anni abbia rinunciato a 250 mila euro che a lui spettavano come deputato regionale, investendo le sue somme e quelli di altri esponenti per aiutare le famiglie in difficoltà. Nessuna contestazione vi è stata da parte del pubblico.