Ultimo atto di responsabilità prima della sfiducia: approvato il bilancio di previsione

È stato l’atto di responsabilità che avevano promesso i consiglieri comunali favorevoli alla sfiducia al sindaco Domenico Messinese, l’approvazione ieri del bilancio di previsione 2017. Con esso sono stati accolti anche gli emendamenti presentati dal sindaco. Hanno detto tutti Si, tranne il consiglieri Guido Siragusa e Alessandra Ascia.

Sul bilancio di previsione, critiche dure sono arrivate dal presidente della commissione bilancio Angela Di Modica, specie per la grossa somma destinata ai rifiuti, e i debiti fuori bilancio che continuano a lievitare. “Il problema non sono le royalties che diminuite, quanto la gestione rifiuti. Il bilancio prevede entrate per circa dieci milioni di euro quando il consiglio comunale ha bocciato gli aumenti delle tariffe Tari e il Pef.” Ha detto Siragusa, sottolineando che il sindaco avrebbe dovuto cambiare una gestione che sta producendo solo debiti fuori bilancio. Dello stesso parere è stato il consigliere di Sicilia Futura Giuseppe Ventura.

Di Modica ha criticato invece l’assenza di programmazione. Il sindaco è arrivato in aula consiliare con la giunta al completo, per presentarla ufficialmente ai presenti, ma questo atto di avvicinamento sembra non cambiare le decisioni già prese dai consiglieri.

Parole di critica sono state espresse dal consigliere del Pd Salvatore Gallo. Politica oppure tecnica la giunta? Gallo ha sottolineato come vi sia stato un regista e l’aiuto regista dell’operazione del falso azzeramento. Ancora critiche sono state espresse da Vincenzo Cirignotta. “Questo sindaco ha la superbia di voler governare la città senza avere un solo consigliere comunale che lo sostenga .

Ciò che non è andato mai giù al consiglio comunale è la mancanza di dialogo del sindaco con essi e la presenza ingombrante dell’assessore Simone Siciliano, questo ha creato una spaccatura che difficilmente potrà essere rimarginata, specie dopo l’azzeramento che è stato considerato “finto” da parte dei consiglieri, e che ha visto la riconferma di Siciliano.

” Il manovratore non è stato cambiato” Ha detto Siragusa, il riferimento è stato al vicesindaco Simone Siciliano considerato “artefice della maggior parte dei problemi politici con la giunta e con la città”