Tornano a Gela i gazebo di “Una colomba per la vita”. Admo sensibilizza alla donazione del midollo ossea

Torna a Gela, come in tutte le piazza d’Italia, l’iniziativa Admo (associazione sonatori midollo osseo)  “una colomba per la vita”, per  sensibilizzare i giovani, soprattutto, a diventare donatori di midollo osseo. L’appuntamento è per sabato 5 e domenica 6 marzo, presso i muretti di Macchitella. Per l’occasione verranno allestiti  gazebo e ndesk Admao, dove è possibile acquistare  le colombe pasquali racchiese in  eleganti confezioni, e dove sarà possibile chiarire dubbi e ricevere tutte le informazioni necessarie per diventare donatori di midollo osseo. E permettere così a bambini, giovani, uomini e donne affetti da un tumore del sangue d’iniziare a pensare – concretamente – al grande dono che stanno per ricevere. Grazie a persone di buona volontà che, con un puro atto d’amore, possono ridare loro la vita. Ogni persona avrà la possibilità ridare non la speranza ma una nuova possibilità di vita a chi sta lottando per avere la meglio su un tumore del sangue. Come la leucemia, il linfoma, il mieloma e sindromi mieloproliferative. Anche perche i  i donatori non sono mai abbastanza. Anche se nello scorso settembre, con l’iniziativa “Ehi, tu! Hai midollo?”, sono state migliaia le persone tipizzate e quindi iscritte all’IBMDR, il Registro nazionale dei donatori di midollo osseo.  Solo in Italia, la Leucemia  colpisce 1.500 nuovi pazienti l’anno e che, nel caso il donatore di midollo non sia un familiare, la compatibilità con la persona malata ha un rapporto di 1 a 100.000, si comprende come ci sia ancora molto da fare. Diventare donatori è un messaggio che Admo continua  a ripetere senza fine. Perché sono molte le persone che ogni anno , non soltanto in Italia ma anche nel resto del mondo, necessitano di trapianto. Purtroppo, però, la compatibilità genetica è un fattore raro, che ha maggiori probabilità di esistere tra consanguinei. Ma per coloro che non hanno un donatore consanguineo, dunque, la speranza di trovare un midollo compatibile per il trapianto è legata all’esistenza del maggior numero possibile di donatori volontari tipizzati, dei quali cioè siano già note le caratteristiche genetiche registrate in una banca dati. Si valuta che in Italia siano necessari circa 1.000 nuovi donatori effettivi all’anno. Nelle piazze, impegnate con la campagna ‘una colomba per la vita’, quest’anno i volontari Admo vogliono coinvolgere quanti più giovani sia possibile.

Articoli correlati