Una straordinaria Pro Gela strapazza 8-1 l’Argyrium

Dalla pagina Fb Pro Gela

Un Sabato perfetto quello andato in scena alla palestra “ITIS” di Piano Notaro per la Pro Gela impegnata nel girone unico del campionato di Calcio a 5 di Serie C1. Trattasi della seconda vittoria consecutiva casalinga che segue il risultato tennistico compiuto ai danni del Mascalucia. In mezzo c’è stata la cocente, immeritata e non senza polemiche sconfitta di Regalbuto contro la capolista. Questa volta dunque al Pala ITIS si presenta l’ADP Argyrium, che nella gara di andata aveva strapazzato i gelesi con un sonoro 10-4, con l’aria di chi voleva arrestare l’ottimo momento di forma di Caglià & Co. Così pero non andrà: già infatti dalle prime battute si può ben capire che la squadra gelese non darà vita facile agli avversari che riuscianno a chiudere la prima frazione di gioco con un passivo di 4-1 messo insieme da Bascietto su corner di Marchese, alla doppietta di Caglià (il primo rocambolesco, il secondo con un tap-in) e da Marchese su assist di un sempre più affidabile Guaia. La ripresa non riserverà grosse sorprese: gli ospiti proveranno una timida reazione, ma saranno acora i gelesi ad aumentare il passivo grazie alle due reti di uno scatenato Martorana (prima con un tiro da fuori area ad incrociare e poi dopo la ribattuta dell’estremo difensore agirese), con un altro gol di Bascietto che firmerà la doppietta su tap-in e con Caglià che deciderà di firmare la sua pesonale tripletta con un bellissimo pallonetto dopo l’assist al bacio di Marchese. Non c’è stata assolutamente partita e obiettivamente si può ben dire come questo risultato sia stretto alla compagine presieduta da Antonino Caglià vista la quantità di occasioni da gol divorate dai suoi giocatori soprattutto nella prima frazione di gioco. Così mister Fecondo, visibilmente soddisfatto a fine match:“Non ho nulla da aggiungere dopo una partita così. Con un 8-1 c’è poco da commentare. Di certo si può sottolineare come i miei ragazzi siano stat grintosi fin dalle prime battute, ma la cosache più mi ha fatto perdere la pazienza è stato l’eccessivo relax che si sono presi a risultato ormai acquisito concedendo più di qualche occasione ai nostri avversari(che alla fine prenderanno quattro pali, ndr). Dopo la sconfitta immeritata subito contro la Regalbuto avevamo bisogno dei tre punti per il morale e per la classifica, e penso che oggi i ragazzi abbiano dimostrato di essere più forti anche della sfortuna.” Da segnalare l’esordio di un giovane portiere proprio tra le file dei gelesi: si tratta di Francesco Russello, classe ’98, che sta già stupendo tutti con la juniores.

Articoli correlati