Universitari sempre più numerosi e sempre meno convinti

Sempre più studenti all’Università. Sono sempre di più i liceali che giungono al loro ultimo anno di scuola pensando alla facoltà in cui iscriversi, pur non avendo le idee chiare. L’Università, che un tempo era “privilegio per pochi”, adesso è diventata sempre più l’unica possibilità per sperare di avere un lavoro un domani e, per molti, l’unica alternativa. È risaputo, infatti, che oggi come oggi chi esce da un liceo difficilmente troverebbe lavoro col diploma, per cui l’Università diventa l’unica via possibile per continuare. Intervistando qualche studente, ironicamente abbiamo ricevuto risposte quali “diversamente non saprei cosa fare, lavoro non ce n’è, almeno studio e vado avanti”. Frasi ironiche che forse, in fondo in fondo, celano davvero il malcontento di una società di giovani senza prospettive. E ai più pessimisti viene anche da pensare che, dopo aver faticato e studiato tanto negli anni, alla fine nessuna porta aspirata si aprirà e così l’ingegnere di domani si troverà a servire panini e chi sogna di fare l’insegnante dovrà accontentarsi della propria scrivania in cui farà doposcuola. Una situazione che rammarica certamente, ma che non deve scoraggiare le grandi idee e le grandi ambizioni. È vero, ogni scalata ha le sue difficoltà, ma è anche vero che proprio quella stessa scalata ha sempre la sua cima.