Uno spettacolo la pietra calendario, emozioni dal passato

Macchine fotografiche e cellulari in mano per immortalare un momento, unico nel suo genere, che è possibile vedere soltanto due volte in un anno: il 21 dicembre e oggi, 21 giugno, giorno del solstizio d’estate.

Un vero e proprio spettacolo quello che nel pomeriggio ha offerto la pietra calendario, scoperta di recente dai gelesi Giuseppe La Spina, Mario Bracciaventi, Michele Curto ed Enzo Madonia.

Una pietra forata che serviva agli uomini della preistoria per segnare lo scorrere delle stagioni e quindi orientarsi anche con la semina e il raccolto. In tanti questa sera hanno voluto osservare il fenomeno: vedere il sole entrare come il pezzo di un puzzle e corrispondere perfettamente al foro.

Emozioni forti, che in molti hanno immortalato con foto e video che, sin da subito, hanno fatto il giro dei social network per mostrare al mondo quanto di bello e prezioso questa terra è capace di offrire.

Articoli correlati