Uno sportello per gli imprenditori della piana di Gela. Siciliano e i progetti sull’agricoltura

Gela deve puntare anche sull’agricolura, per tale motivo verranno attivati degli sportelli che aiuteranno gli addetti del settore.
Questo quanto emerso da un incontro che l’assessore allo Sviluppo Economico Simone Siciliano ha tenuto con gli imprenditori agricoli di Gela e i rappresentanti delle organizzazioni di categoria. 
 Creare reti d’impresa per potenziare il circuito economico del settore agricolo, non solo nella fase produttiva ma anche relativamente a servizi come lo stoccaggio, la trasformazione, il packaging attraverso i contratti di filiera e i partenariati con Comuni ed imprese della fascia trasformata. È una delle   idee progettuali che è emersa emersa nel corso dell’incontro, che è stato anche un resoconto ad un primo confronto avvenuto negli scorsi mesi. 
Centrale è stato anche il tema delle risorse irrigue, in quanto con lo stop alla raffineria la disponibilità di acque di origine non industriale è elevata e interessa sia il potenziale recupero dell’acqua del biologico urbano che le stesse risorse idriche dell’invaso Ragoleto.
“Ritengo poco probabile – ha detto Siciliano – che si possa ottenere un ribasso dei prezzi dell’acqua dalla Regione e per questo stiamo puntando a concretizzare l’ipotesi delle acque reflue depurate per usi irrigui. Già la prossima settimana testeremo l’impianto che, a regime, potrebbe erogare 700mila mc di risorse idriche per irrigare i campi, che raddoppierebbero a seguito dei lavori di potenziamento del depuratore oggetto della conferenza dei servizi decisoria di alcuni giorni fa. A questi vanno aggiunti i 3 milioni mc delle quote idriche non più utilizzate da Eni dalla diga Ragoleto”. 
Siciliano ha preso contatti inoltre con un grosso imprenditore agricolo interessato ad investire nella Piana di Gela per le condizioni climatiche e fiscali vantaggiose di cui gode la Regione Siciliana. Tra i propositi quello di istituire tavoli monotematici su argomenti specifici, e quello dell’istituzione di uno sportello, un servizio che il Comune vuole offrire a tutti gli investitori agricoli che presenteranno progetti finanziabili ai livelli regionale, nazionale ed europeo. 
“Doteremo l’ente di uno sportello che aiuti gli agricoltori, ma più in generale i piccoli imprenditori a districarsi nella giungla della globalizzazione” ha infine anticipato l’assessore Siciliano, coinvolgendo l’esperto Antonino Collura, attuale funzionario responsabile del Tavolo Europa. Collura ha illustrato le opportunità dei nuovi bandi in merito a commercializzazione, extraruralità, assistenza bancaria anche afferendo ai fondi Psr.

Articoli correlati