Usare la Lis: approvata mozione. Soddisfatti i Giovani democratici di Gela

ll gruppo dei Giovani Democratici di Gela ringrazia il consiglio comunale e il suo presidente, l’assessore alle politiche sociali, e i capigruppo che hanno votato ieri sera positivamente la mozione della Lingua dei Segni Italiana.

Il movimento politico aveva presentato lo  scorso febbraio un  documento, nato dall’incontro con l’Ente provinciale dei Sordi, per sollecitare  gli enti preposti  affinchè la Lis fosse  riconosciuta come lingua ufficiale, ma anche per  sensibilizzare la cittadinanza attraverso un maggiore utilizzo della Lingua italiana dei segni nell’accessibilità totale di informazioni pubbliche.

“Riteniamo sia necessario rendere la nostra città a misura di tutti, andando ad abbattere anche quelle che vengono definite come barriere della comunicazione” ha dichiarato segretario cittadino Stefano Scepi,.

“La figura dell’interprete nelle strutture pubbliche non può che rendersi necessaria per gli oltre 80 sordi presenti in città, che quotidianamente chiedono i servizi ai vari enti tra mille difficoltà” ha detto il presidente della direzione Orazio Alario.

“Quello di migliorare l’accessibilità è sicuramente di fondamentale importanza soprattutto se questo progetto riuscirà a sollecitare gli enti specifici affinchè la LIS sia riconosciuta.” Ha affermato la responsabile ai diritti Stefanì Cocchiara insieme alle responsabili alle politiche sociali Valentina Di Dio e Giorgia Cocchiara.

“Il consiglio comunale di Gela ha saputo rispondere bene all’iniziativa che abbiamo lanciato a livello provinciale con il progetto “A misura di tutti” di nostra creazione, per questo motivo non possiamo che ringraziare anche a nome della segreteria provinciale” ha riferito il segretario provinciale Marco Andaloro.

“Il diritto ad avere la totale accessibilità è una delle battaglie che l’Ens porta avanti da tantissimi anni per farsi sì che venga riconosciuta la Lingua dei Segni Italiana, e questo voto di approvazione merita un nostro riconoscimento” ha concluso  il presidente provinciale dell’ENS di Caltanissetta Francesco Di Maio

Articoli correlati