Vacanza di Pasqua? No, grazie, sono in crisi!

La crisi economica si fa sempre più sentire e quest’anno saranno poche le famiglie gelesi che in occasione delle festività pasquali si concederanno una vacanza fuori porta. Sono sempre di più, infatti, quelli che decidono di rimanere in città evitando così di spendere soldi in viaggi. Sempre più gente senza lavoro o con un solo stipendio che per far quadrare i conti a fine mese è costretta a fare dei sacrifici e a rinunciare ai piaceri e agli sfizi, fra questi dunque anche la possibilità di concedersi qualche giorno di relax. Tuttavia, per chi proprio non riesce a rinunciarci, rimangono sempre le crociere sul Mediterraneo, i villaggi turistici che si apprestano ad aprire con l’arrivo della bella stagione. E ancora alcuni paesini caratteristici della nostra Isola e per l’Italia l’ambita capitale, Roma, meta prediletta da giovani e famiglie soprattutto per le festività pasquali. Insomma, per un cittadino che rimane ce n’è uno che, buon per lui, va. La speranza rimane sempre la stessa: che la situazione possa cambiare, al di là della vacanza, per dare un po’ di respiro a tutta quella gente che vive di stenti e soffre per la carenza di lavoro.