Venerdì letterari: “Controvento” al Liceo Classico “Eschilo” di Gela.

È stato presentato oggi, al Liceo Classico “Eschilo” di Gela, il primo romanzo di Rita Garofalo, “Controvento”. Il romanzo, edito da Algra Editore, narra l’esperienza del tumore al seno che l’autrice ha vissuto ed ha voluto raccontare. Attraverso la vicenda narrata si narra anche dello smarrimento, la paura, la forza di una donna che scopre di essere affetta da un male incurabile e che anziché combatterlo come “figlio indesiderato e maligno”, lo accoglie come opportunità per un radicale cambiamento di vita.  Il racconto appare come un viaggio dell’anima dove la malattia diventa strumento per ripercorrere il passato, le cadute, le sconfitte familiari e non, per giungere quasi catarticamente alla guarigione dal cancro e a quella dell’anima. Il romanzo- dice la scrittrice- si evolve nell’arco di nove mesi, una gestazione, periodo nel quale la protagonista riesce, con coraggio, a trasformare il male in bene.

L’autrice così come la Dott. Spirziola, psicologa che ha moderato l’incontro, assegnano al romanzo un valore sociale, in quanto in questo romanzo la malattia viene affrontata non come una disgrazia, un nemico da cui tenersi distanti, bensì come una possibilità di crescita del proprio sé. Il coraggio della protagonista, è metafora di forza, della vita e del riscatto. Questa donna assurge al ruolo di testimone di una vittoria possibile anche nei confronti del cancro, diventato male del secolo e che sembra mai retrocedere. L’evento ha coinvolto anche la presidente del Movimento Rosa di Gela, Angela Brancacci, il movimento infatti si propone di dare voce alle problematiche che affliggono la città, come per l’appunto il tumore al seno. Tante le donne presenti a testimonianza della sensibilità che l’argomento scuote. L’evento è stato organizzato nel circuito dei Venerdì letterari promossi dalla Libreria Mondadori, nella persona della prof Lina Orlando e patrocinato dal Comune di Gela.