Vertice in ospedale, Salinitro alla Farruggia: “Faccia l’interesse della città e non polemica”

Dopo l’osservazione della consigliera Virginia Farruggia di non essere stata coinvolta nella visita all’ospedale “Vittorio Emanuele” del presidente della Commissione Servizi Sanitari di Palazzo dei Normanni Pippo Digiacomo e del presidente dell’ASP provinciale Carmelo Iacono, non si è fatta attendere la replica dell’assessore Francesco Salinitro. “Mi spiace constatare – ha detto il componente della giunta Messinese – che, anche dopo l’importante confronto tra ASP, ARS, Comune di Gela, la consigliera Farruggia, invece di rammaricarsi per i tanti problemi emersi nel corso dell’incontro, trovi il modo di polemizzare e additare ancora una volta l’amministrazione comunale per colpe che solo lei immagina. La consigliera si guarda bene dal riprendere l’ASP che quegli inviti ha deciso e diramato. L’organizzazione del vertice in ospedale è stata gestita dall’Azienda Sanitaria Provinciale, l’amministrazione comunale è stata invitata. La consigliera, che fa la parte dell’esclusa, era già presente nel luogo dell’incontro ben prima dell’orario stabilito e già a colloquio con alcuni dei partecipanti. Da parte sua solo un discorso senza cenno alcuno ai numerosi problemi che abbiamo sollevato come amministrazione comunale e consegnati in due documenti al presidente Digiacomo”.

A essere messi nelle mani del presidente della Commissione Servizi Sanitari le criticità rilevate nel corso della visita che il sindaco Messinese e alcuni consiglieri fecero nel settembre dello scorso anno all’interno del presidio ospedaliero e le carenze organizzative e di personale presenti nella struttura.

La consigliera si preoccupi di agire nell’interesse della città – ha concluso Salinitro – visto che appare essere l’unica a credere che nell’ospedale di Gela tutto funzioni a meraviglia, troppo presa forse a seguire l’impulso irrefrenabile di aggredire sempre e comunque l’amministrazione comunale, incurante di apparire condiscendente nei confronti di chi dovrebbe agire per mettere il nostro ospedale nelle condizioni di efficienza e che invece da troppo tempo continua con investimenti sbilanciati a favore del polo di Caltanissetta penalizzando fortemente la struttura ospedaliera di Gela”.

L’incontro ha permesso di mettere agli atti una forte denuncia dei mali del sistema ospedaliero locale, compreso il poliambulatorio di via Butera.