Vincoli ambientali sul 90% del territorio gelese. Presentato ricorso

La Regione Sicilia ha imposto vincoli ambientali sul 90% del territorio gelese, il consiglio comunale annuncia battaglia e presenta ricorso contro il provvedimento da parte dell’Assessorato Territorio e Ambiente che ha previsto vincoli Sic Zps su 27 mila ettari di territorio gelese, su cui non si potrà nè coltivare nè costruire. I vincoli stabiliscono che le attività antropiche incontrollate (serricoltura, introduzione di piante esotiche invasive, il pascolo abusivo) e l’erosione delle coste hanno determinato la quasi totale scomparsa delle dune. Il degrado e l’incuria in cui versano gli habitat impongono delle strategie di salvaguardia, nonché azioni di sensibilità delle popolazioni locali. E  la città  rischia di subire un esproprio del territorio del suo stesso piano regolatore. Ventotto consiglieri comunale su 30 hanno presentato ricorso chiedendo chiesto l’annullamento alle regione per illegittimità del decreto varato nel settembre scorso che blocca la città. Un ricorso che già era stato presentato dall’allora sindaco Crocetta, e che risulta ancora pendente al Tar, solo che allora si parlava di 17 mila ettari di territorio, e oggi la regione ne ha aggiunto altri 10 mila.  “Non siamo contrari a vincolo Sic zeta  ZPs – ha detto Pietro Lo Nigro –  che in parte sono utili a una fetta del territorio, siamo contro una perimetrazione scriteriata senza logica tecnica. Serve il supporto di ordine tecnico,  ma anche il coinvolgimento del territorio, come organizzazioni professionali, agricoltori, e amministrazione. Questa mancanza di sinergia ha determinato tutta una serie di limitazione all’interno di questi perimetri, considerati riserve”. “Paradossalmente – afferma  Giuseppe Morselli –  dopo aver atteso il Prg per quarant’anni, dobbiamo sperare che la Regione non l’approvi  mai, perchè non ci è stato consentito di scegliere come usare il nostro territorio. Il rischio secondo i consiglieri, che così come è adesso  il Prg rovinerà  in rovina agricoltori e imprenditori.