Vittorio Emanuele: continua la protesta di infermieri. A rischio molti posti di lavoro

Continua la lotta di Nursind (il sindacato delle professione infermieristiche) Sicilia contro la bozza sulle linee guide per la rideterminazione del personale sanitario. Alla protesta del 30 giugno a Palermo, ha partecipato anche una delegazione proveniente dalla provincia nissena, tra cui Gela, rappresentata da Giuseppe Provinzano. Un documento è stato presentato alla VI° Commissione Sanità, dove è stato richiesto che i coefficienti di attribuzione di Infermieri e figure di supporto (O.S.S.) per posto letto, potessero essere aumentati di almeno il 25% nei coefficienti minimi e massimi, per evitare l’aumento vertiginoso dei casi di malasanità che vedono la nostra regione già in cima alla classifica in Italia, rispetto agli attuali, oltre all’istituzione degli stati generali della salute. “Abbiamo sottolineato – ha comunicato Giuseppe Provinzano –  di quali assunzioni l’assessorato parla, perché se venissero utilizzati questi coefficienti preventivati, nelle unità operative risulterebbe personale sanitario in esubero, sia nelle Terapie Intensive e sia anche in quelle ad alta Complessità Assistenziale”. Es: nelle Terapie Intensive e Rianimazioni sono previsti 1,75 Infermieri per posto letto, stando quanto riportato nelle linee guida assessoriali, quindi prendendo spunto dal reparto di Rianimazione del Presidio Ospedaliero Vittorio Emanuele di Gela, dove sono attivi 4 posti letto da Terapia Intensiva, sono assegnati a questa U.O. 13 Infermieri per garantire 4-5 posti letto. Quindi moltiplicando 1,75 x 4 la dotazione organica dovrebbe essere di 7  Infermieri effettivi e sei in esubero. “Questo – aggiunge Provinzano – è un atto normativo che NurSind Sicilia ritiene in netto contrasto con l’articolo 32 della carta costituzionale”. Nella stessa occasione è stato affrontato il problema dei dipendenti che hanno raggiunto i 36 mesi di servizio e che ora rischiano il non rinnovo del contratto, secondo la legge del Job Act.  “Abbiamo appreso dal dott. Lo Presti – ha comunicato Provinzano – che in data 29 giugno si è tenuta la conferenza dei direttori generali alla presenza dei manager delle 17 ASP Siciliane durante la quale è stato redatto e firmato un protocollo ufficiale per il rinnovo dei contratti fino al 31 dicembre siglato sia dall’Assessore Borsellino che dalla totalità dei presenti, eccetto uno. Abbiamo chiesto – continua Provinzano – copia del documento ma ci è stato risposto che essendo documento interno, non poteva essere fornito ma che certamente poteva essere richiesto alle singole aziende ospedaliere. Ecco perché contiamo sulla sensibilità dei direttori generali affinché ottemperando a quanto firmato, diano la possibilità ai dipendenti licenziati della continuità lavorativa fino a scadenza”

Articoli correlati