Vittorio Emanuele: reparti gestiti da un solo medico. Continuano i disagi, tra parcheggi insicuri e bagni inesistenti

Continuano i disagi al Vittorio Emanuele di Gela. Reparti gestiti da un solo medico, come quello di Malattie infettive, dove chi è andato in ferie non è stato sotituito e un solo medico gestisce reparto, ambulatorio e day Hospital. Non va meglio il reparto di nefrologia: anche qui l’ambulatorio è stato sospeso perchè il medico è andato in ferie. Una situazione che non ha fine è quella delle tapparelle che si rompono e che non vengono riparate. Per non parlare dei continui furti e danneggiamenti alle auto  che il personale sanitario subisce nel parcheggipo di viale Indipendenza, da quando è stata impedita la sosta all’interno dell’Ospedale. Queste alcune lamentele raccolte. Ma una contraddizione a cui in pochi avevamo fatto caso è l’assenza di bagni pubblici nei vari piani: pronto soccorso, pianterremo. Chi va a trovare i parenti in ospedale non ha la possibilità di utilizzare una toilette, che non sia quella delle stanze dei ricoverati. I bagni si trovano sono nelle vicinanze della colonscopia, per ovvie ragioni.