Zosi Zografidou vince la XVII Gorgone d’Oro di Gela per la poesia


È poetessa greca Zosi Zografidou la vincitrice della XVII edizione del premio “La Gorgone d’Oro” per la sezione libro edito.

Originaria di Salonicco,  Zosi Zografidou si è presentata alla selezione con la raccolta “Parole notturne” pubblicata dal Circolo culturale Menocchio.

Il lavoro è stata apprezzato dalla giuria presieduta da Sarah Zappulla Muscarà e composta da Don Rino La Delfa, Aldo Scibona, Andrea Cassisi ed Emanuele Zuppardo allestita dal Centro di Cultura “Salvatore Zuppardo”, in collaborazione con l’associazione “Futuramente” e il settimanale “Settegiorni” con il sostegno del Cesvop di Palermo.   

 

“Nate nella profondità della notte, Parole notturne s’accampano come una delicata confessione che invita il lettore a sentirsi complice nell’amore e nella passione per l’inganno della vita”, si legge in un passo della motivazione. Nella stessa sezione al secondo posto si è piazzato il poeta Francesco M. T. Tarantino di Mormanno, in provincia di Cosenza, con il libro “Getsemani o dell’inquietudine”, pubblicato da Marco Sava Edizioni

. “Le sue parole tracciano un tratto fortemente redentivo dell’interiorità riflessa e mostrano al contempo di poter esercitare una autentica introspezione sui temi radicali dell’essere e dell’esperienza umana senza mai stagnare nel proprio confine poetico”, così in un passaggio della motivazione.

Nella sezione B, successo di partecipazione, con brillanti risultati, tra gli altri, anche per Rita Muscardin, Rodolfo Vettorello, Elena Bartone, Silvia Bettuzzi, Boris Lazzaro.

La manifestazione di premiazione avrà luogo sabato 17 giugno 2017 dalle ore 18,30 presso il Teatro Antidoto. Saranno presenti personalità dell’arte e della cultura.

Articoli correlati